Ricette pasta shirataki

Una dieta sana ed equilibrata sta alla base del vivere bene, per questo motivo molte donne e molti uomini ricorrono a dei regimi alimentari particolari che li possano aiutare a mantenere un fisico asciutto e prestate. Quando ci si accinge ad iniziare una dieta vera e propria, soprattutto se dimagrante, molte volte ci si accorge di non riuscire a fare a meno di determinati alimenti che sono dei capisaldi della tradizione mediterranea, l’esempio più clamoroso è rappresentato dalla pasta, tipico piatto italiano per eccellenza. Per rendere meno traumatico il distacco da questa pietanza durante i periodi di ristretto regime alimentare ci viene incontro la pasta Shirataki di Konjac, una particolare varietà di pasta totalmente priva di carboidrati e con un ridottissimo numero di calorie, caratteristiche che la rendono particolarmente apprezzata da chi ha problemi con la linea.

Le ricette per poter cucinare una pasta prelibata sono davvero molte ma siamo sicuri che tra i centinaia di condimenti che esistono sul mercato ci stiamo avvalendo di un sugo adatto a questa particolare pasta? La risposta non è per niente semplice, per mantenere intatte le caratteristiche della pasta Shirataki di Konjac infatti si deve puntare su un’attenta scelta che vi possa permettere di assaporare un buon piatto senza rischiare di eccedere con le calorie. Di seguito vi proponiamo un condimento light che raggiunge appena le 350 calorie per porzione , un modo perfetto per poter gustare questa pasta senza aver paura di esagerare e al tempo stesso senza rinunciare al sapore della buona cucina!

Ricette pasta shiratakiINGREDIENTI PER 4 PERSONE

300 grammi di spaghetti Shirataki di Konjac
6 pomodori maturi
8 pomodori varietà pachino
2 spicchi di Aglio
qualche foglia di basilico
prezzemolo tritato quanto basta
mezzo peperoncino
1 cucchiaio abbondante di pangrattato
6 cucchiai di olio extravergine d’oliva
sale quanto basta

PROCEDIMENTO
Come prima cosa preriscaldate il forno a 240°, mentre aspettate che raggiunga la temperatura desiderata lavate e tagliate i pomodori a metà e disponeteli in una teglia con il lato tagliato disposto verso l’alto.
Preparate un trito con le foglie di basilico, gli spicchi d’aglio, il prezzemolo e il peperoncino e cospargetelo sopra ai pomodori che avrete preventivamente salato ed oliato, fatto questo infornate il tutto per mezz’ora circa. A cottura ultimata togliete la pirofila dal forno e schiacciate i pomodori aiutandovi con una forchetta facendo attenzione a non ripetere tale operazione sui pachino e cospargetevi sopra il pan grattato.
Infornate nuovamente il tutto per una ventina di minuti. Quando sarà trascorso il tempo necessario per ultimare la cottura togliete i pachino dalla terrina e disponeteli su un piatto.
Riempite una pentola di acqua leggermente salata e portate ad ebollizione, versatevi dentro gli spaghetti e, rispettando i tempi di cottura, procedete poi a scolarli.
Quando gli spaghetti saranno al dente versateli in una terrina ed amalgamate il tutto con il condimento preparato precedentemente, aggiungete i pachino gratinati come decorazione del vostro piatto. Buon appetito!

In alternativa vi proponiamo un’altra ricetta leggera e sfiziosa

INGREDIENTI

300 grammi di pasta Shirataki di Konjac
100 grammi di verza
30 grammi di olive nere
3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
Erbe di Provenza
1 spicchio Aglio
20 grammi di Pepe rosa
sale quanto basta

PROCEDIMENTO
Iniziate pulendo la verza dalle foglie più esterne che generalmente sono le più dure, lavate e tagliate il tutto a striscioline avendo cura di lasciare da parte due foglie che vi serviranno per la decorazione finale.
Riempite una pentola di acqua, salatela e portate il tutto ad ebollizione aggiungendo la verza tagliate e la pasta.
In un tegamino fate soffriggere l’olio con l’aglio, che provvederete a togliere un volta dorato, aggiungete poi le olive senza il nocciolo, il pepe e le erbe provenzali e fate saltare il tutto per qualche secondo.
Scolate la pasta e conditela con il condimento che avete preparato e adornate il tutto con le due foglie di verza che avete tenuto da parte in precedenza.

Come potete vedere le idee per delle ricette sfiziose non mancano, usate quindi la fantasia e se volete prendere degli spunti sul web sono molte le alternative che vengono proposte!